Trend Tips

La quiete necessaria

Momenti di privacy, silenzio, calma e solitudine stanno forse trovando nuovamente spazio per coesistere con occasioni di condivisione, comunicazione, interconnessione e rumore che spesso sembrano non solo l’unica opzione possibile ma anche la sola desiderabile. Ed è forse arrivato il tempo di riscoprire il mondo degli introversi iniziando magari con il libro di Susan Cain Quiet. Il potere degli introversi in un mondo che non sa smettere di parlarequietUn’indagine ampia e accurata (presentata anche in una TED Talks) che racconta, tra le tante ricerche e storie, la necessità di trovare un equilibrio negli ambienti lavorativi – e non solo – tra spazi privi di privacy e caratterizzati da stimolazioni costanti e luoghi che permettano anche opportune condizioni per il lavoro individuale da svolgere in solitudine. “Abbiamo bisogno […]di creare ambienti in cui le persone siano libere di circolare seguendo il mutevole caleidoscopio  delle interazioni  ma anche di sparire chiudendosi nel proprio spazio di lavoro privato quando hanno la necessità di concentrarsi o semplicemente starsene da sole”.
Ricerca di privacy e calma in ambienti dove queste sembrano non essere condizioni previste è la cifra distintiva della collezione Alcove di Ronan e Erwan Bouroullec. Peculiarità di questa linea – composta da divani e poltrone – è la possibilità di utilizzare le sedute anche come piccole stanze, delle oasi in cui cercare momenti di privacy in un ambiente più ampio. Poltrone e divani sono infatti dotati di uno schienale particolarmente elevato che consente di isolarsi fisicamente e psicologicamente dalle attività in corso nell’ambiente circostante, “these sofas represent an island of calm, a place to relax, focus on a work task or enjoy a private conversation, especially in collective environments such as office spaces”.
alcove sofa highbackUn dispositivo che permette un isolamento personale finalizzato ai sonnellini estemporanei è, invece, Ostrich Pillow. Progettato dai designer Key Portilla-Kawamura e Ali Ganjavian -fondatori dello studio di design e architettura kawamura-ganjavian – in collaborazione con lo Studio Banana Things, Ostrich Pillow è un cuscino che “has totally revolutionised the art of napping globally”. Recentemente finanziato via Kickstarter, Ostrich Pillow è una sorta di morbido casco, un guscio che avvolge la testa – e, volendo, anche le mani, lasciando invece scoperti bocca e naso – e permette di godersi una piccola dormita in ufficio, in viaggio o dovunque se ne senta il bisogno.
ostrich pillow 1Possibilità di trovare ovunque momenti di intimità temporanea è l’idea alla base di Veasyble. Progetto realizzato da quattro ragazze riunite sotto il nome Gaia, Veasyble declina i concetti di intimità, isolamento e ornamento in un set di accessori che possono essere semplicemente trasformati in gusci in cui esperire momenti di rasserenante solitudine estemporanea.
veasybleUn altro progetto finalizzato a trovare un rifugio transitorio dove poter godere di privati momenti di intimità è One-SQM-House dell’architetto Van Bo Le-Mentzel che ha ideato una micro casa dentro cui si può scegliere se lavorare, dormire o stare semplicemente seduti in solitudine. Troppo piccola per pensare di passarci giorni interi ma abbastanza grande da essere una base provvisoria dove trovare privacy e tranquillità. Ideale sia come temporaneo rifugio negli spazi aperti, sia come ‘stanza nella stanza’, magari all’interno di un open space lavorativo o domestico.
onesqmhousehartz IV möbel – image Daniela Kleint

Infine, un recente progetto inerente l’universo del retail. Partendo dalla considerazione che il mondo stia diventando sempre più rumoroso e noi sempre più bombardati da stimoli e informazioni, il department store londinese Selfridges lo scorso febbraio ha voluto proporre un’iniziativa, No Noise, volta a celebrare il potere della quiete e a trovare calma anche nel caos. Il progetto No Noise si componeva di una Silence Room dove trovare momentaneo riparo dal rumore e dalla folla e di  un assortimento de-branded costituito da una selezione di prodotti iconici privati del logo e messi a disposizione, in edizione limitata, in uno spazio dedicato denominato The Quiet Shop. Inoltre, erano previste iniziative legate alle tecniche di meditazione offerte ai clienti in collaborazione con Headspace.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...